Maestro, quando posso cominciare a insegnare!

Alfredo OKInsegnare Judo è una grande responsabilità. Spesso viene sottovalutata da molti giovani o meno giovani ansiosi di avere allievi bravi e in grado di vincere tutte le gare e finire alle Olimpiadi. Ma insegnare Judo non è questo, può esserlo, può diventarlo, ma non è questo.

Insegnare vuol dire prendere una persona, al di là della sua età, metterla in contatto con se stessa, corpo, mente, cuore e contemporaneamente con corpo, mente,cuore di altri soggetti all’interno della stessa lezione.

Vuol dire portare, corpo, mente e cuore di molti esseri umani ad essere una sola cosa tesa a ricercare un mutuo benessere attraverso il nostro modo d’insegnare.

Non esiste Disciplina al mondo che dichiara  questa avventura Didattica sopratutto se ricercata fra specialità che utilizzano tecniche di attacco e contro attacco come strumenti d’insegnamento primari.

Se si vuole insegnare Judo questa è la difficoltà ultima e per arrivarci necessità una solida Didattica a 360 gradi su tutti i suoi mezzi tecnici e filosofici.

Non serve essere un campione in termini agonistici, anche se potrebbe sembrare un aiuto, per insegnare. Serve “conoscere” “sapere” “studiare” avere una Didattica.

Il percorso corretto dovrebbe essere che il vostro Maestro a un certo punto del vostro percorso vi dice che è il momento che vi dedicate all’insegnamento per trasmettere il vostro sapere ad altri. Ma sappiamo che non avviene quasi mai in questi termini, il più delle volte l’allievo pensa di essere pronto e se ne va per aprire la sua palestra oppure viene mandato per necessità in una scuola per aumentare il numero degli allievi senza una preparazione specifica. Spesso neanche il Maestro ha avuto una preparazione idonea ma si è creato una Didattica limitata alla sua esperienza.

Una buona Didattica è l’insieme di tante esperienze selezionate e trasmesse da generazioni di Maestri finalizzate a proporre il Judo nella maniera più completa possibile, in termini culturali, tecnici, filosofici e sportivi.

Alfredo Vismara Hanshi Dai Nippon Butokukai

 

 

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

C’est Judo à chaque fois que vous arrivez à tirer l’ordre du chaos

foto alC’est Judo à chaque fois que vous arrivez à tirer l’ordre du chaos

C’est le dernier point du I shin den shin que j’ai écrit pour qu’ils soit lu à la fin de chaque entraînement.

Un des éléments de la didactique du Judo s’appelle « monde », à savoir questions et réponses entre Prof et élèves, mais c’est aspect n’est presque jamais utilisé.

C’est la raison pour laquelle j’ai décidé d’écrire I shin den shi « de mon esprit à ton esprit », c’est-à-dire des pensées qui résument les aspects les plus importants du Judo Kodokan.

La dernière pensée rappelle que le Judo est pratiqué correctement s’il aide à tirer l’ordre du chaos. L’ordre s’obtient par l’entraînement du Kata et du Randori, qui interagissent entre eux.

L’ordre intérieur auquel je me réfère doit avoir origine et augmenter à peu à peu dans le chaos, mais il faut quand-même le rechercher constamment et attentivement pendant la pratique. Il s’agit d’une bataille très difficile, à laquelle il faut dédier toutes nos énergies parce que le chaos est à l’origine de toute chose.

L’univers entier s’est développé avec une succession d’ordre et chaos, et notre planète, la nature et les êtres vivants font pareil.

Heureusement l’être humain a eu l’avantage, par rapport aux êtres vivants, de pouvoir interagir avec ordre et chaos, ce qui lui permet de mieux comprendre le monde autour de lui.

Essayez de vous apercevoir du chaos d’un débutant qui croit d’être en danger pendant un exercice, pendant le randori ou pendant le kata. Apercevez-vous de votre ordre intérieur et après comparez-le avec le chaos du débutant.

Mais si vous vous comparez avec quelqu’un qui est plus expert de vous, les rôles s’échangent, et avec eux ordre et chaos aussi. Voilà le moment où il faut poursuivre la recherche de l’ordre. Si l’on le recherche constamment, il augmente graduellement et, par conséquent, on deviendra spirituellement plus forts et capables de secourir ceux qui auront besoin d’aide.

Cela doit être recherché, perçu et ensuite donné aux autres. Il faut que les débutants s’aperçoivent que la personne en face d’eux est différente intérieurement et non pas simplement plus douée du point de vue physique ou technique. Il faut qu’ils se nourrissent de l’ordre de ceux qui leur sont en face.

Alfredo Vismara Hanshi Dai Nippon Butokukai

Traduzione di Andrea Lorenzo Covini

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

It’s Judo whenever you can draw order from chaos

alfredo2It’s Judo whenever you can draw order from chaos

That’s the last point of I shin den shin I wrote so that my pupils read it at the end of every training.

One of the elements of Judo didactic is called ‘world’, namely questions and answers between the Master and his pupils. Unfortunately, this aspect is almost never used.

This is the reason why I decided to write I shin den shin ‘from my spirit to your spirit’, namely some thoughts that summarize the most important aspects of Judo Kodokan.

The last thought reminds that Judo is well practiced if it helps drawing order from chaos. Order is gained through Kata and Randori, which interact during every training.

The internal order I refer to must arise from chaos and then grow, and it must be looked for constantly and carefully during the practice. It’s a very difficult battle, to which one should dedicate all his/her energies since chaos is the source of everything.

The whole universe has developed through a succession of order and chaos, just like our planet, nature and every living being have done.

Luckily, human beings can interact with order and chaos more than the other living beings, and therefore they can also better understand what is surrounding them.

Try to feel the chaos in a beginner who believes to be in danger during an exercise, during the randori or during the kata. Feel your internal order and compare it with the beginner’s chaos.

And then feel the difference if you practice with someone who is more experienced than you. That’s the moment when you have to keep looking for your internal order. If you do it constantly, it grows gradually and, consequently, you will become spiritually stronger and more capable to help people in troubles.

This must be looked for, felt and given to the other people. Beginners should feel that the person who is practicing with them is internally different, and not simply better from the physical or technical point of view: they should nourish themselves with the order they perceive in their more experienced training partners.

Alfredo Vismara Hanshi Dai Nippon Butokukai

Traduzione di Andrea Lorenzo Covini

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

Because I think that Kodokan Judo is the most complete discipline

te gatameWhen I am called upon to teach Judo without being asked to show some particular techniques, I often like teaching why Judo is so important from the technical and educational point of view.

I immediately begin saying that Judo is the nicest and most complete discipline all over the world. Then, I explain that ‘nice’ reflects my personal opinion about Judo, which, however, cannot be generalized since I’m totally involved in it; on the other hand, I’m really persuaded that Judo is more complete than all other disciplines.

In fact, Judo was born and established itself among the Jujutsu schools, whose principles it inherited: Atemi Waza, Nage Waza, Katame Waza.

But we don’t have to think about the techniques which are codified in the Gokyo or selected for the Newaza; instead, we should think about the hundreds of more dangerous techniques, with or without weapons, which have never been admitted in the Judo sport.

Besides, a crucial point of Judo didactic, a very unique one, is that it looks for the best use of physical and spiritual energy so that we can live harmoniously with the other people and make progress with them.

The great technical heritage together with the great moral and social principles, which are applied during the training with the goal of improving every person and the whole society, are exactly what makes Judo unique.

When I assert that Judo Kodokan is the most complete discipline all over the world, I do not intend to compare it with the other martial arts from a technical point of view because I’m not interested in it; I rather think about the didactical method of Judo, which allows to train better people and a better society.

Alfredo Vismara Hanshi Dai Nippon Butokukai

Traduzione di Andrea Lorenzo Covini

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

Parce que je pense que le Kodokan Judo est la discipline la plus complète

foto alLorsque je suis invité à donner un cours de Judo et on ne me demande pas de montrer les techniques que je préfère, j’aime souvent donner un cours à propos de l’importance technique et éducative du Judo.

Tout de suite je dis qu’on pratique la discipline la plus belle et la plus complète du monde. Après j’explique que le fait de considérer le Judo comme « beau » est tout à fait personnel – et par conséquent pas du tout objectif – parce que j’en suis totalement impliqué ; mais en ce qui concerne le caractère exhaustif du Judo, j’en suis vraiment convaincu.

Le Judo est né et s’est imposé parmi les écoles du Jujutsu en héritant leurs principes techniques : Atemi Waza, Nage Waza, Katame Waza. On ne doit pas penser aux techniques codifiées dans le Gokyo et sélectionnées pour le Newaza, mais aux autres centaines des techniques bien plus dangereuses, avec ou sans armes, qui n’ont jamais été introduites dans le Judo sportif.

En outre, un élément fondamental et unique de la didactique propre au Judo est sa finalité, à savoir la recherche de l’emploi le meilleur de l’énergie physique et spirituelle pour qu’on vive harmonieusement avec les autres et qu’on progresse avec eux.

C’est le grand patrimoine technique avec les grands principes moraux et sociaux appliqués pendant l’entraînement pour améliorer l’individu et, à travers de lui, la société qui rendent le Judo unique.

Quand j’affirme que le Judo Kodokan est la discipline la plus complète du monde, je ne suis pas en train de le comparer avec les autres arts martiaux sur le plan technique, qui d’ailleurs ne m’intéresse pas, mais sur un plan didactique : seul le Judo peut former des hommes et une société meilleurs.

Alfredo Vismara Hanshi Dai Nippon Butokukai

Traduzione di Andrea Lorenzo Covini

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

IL JUDO E LA SUA DIDATTICA

alfredo2La didattica è la scienza della relazione educativa, il cui oggetto è lo studio della pratica d’insegnamento, serve per finalizzare una metodologia per insegnare nel miglior modo possibile e catalizzare l’apprendimento di una materia specifica.

La didattica del Judo, oltre all’aspetto tecnico, può contribuire a finalizzare la sua applicazione allenando i praticanti allo sviluppo di tre culture, quella fisica, morale e intellettuale per mettere in condizione l’allievo di edificarsi spiritualmente.

Questa è la didattica del Judo intesa dal prof. Jigoro Kano e, a mio avviso, l’unica didattica esistente che propone in questo momento storico del mondo, una valenza educativa così forte.

Gli obiettivi sono di insegnare il migliore impiego dell’energia fisica e spirituale in ogni azione per raggiungere l’armonia fra le persone e progredire tutti insieme.

Il mezzo che abbiamo è la tecnica nella sua totalità, Goshin jutsu, Randori waza, Kata e Randori, non una parte di essa. Spesso molti insegnanti dedicano tutti i loro sforzi ad educare allo Shiai e a prevalere sull’avversario che non è l’educazione intesa dal fondatore del metodo Judo Kodokan.

Fra l’altro, una didattica così riduttiva della nostra disciplina non aiuta ad avvicinare i giovani di ambo i sessi e tanto meno i meno giovani che dello shiai gli importa veramente poco o niente.

Certamente la lezione con ginnastica, uchikomi e randori è più facile, diversamente bisogna studiare e spiegare anche argomenti in cui non ci si è mai applicati ma vi assicuro che ne vale lo sforzo, per voi e i vostri allievi.

Pensate che se un judoka, giovane o adulto poco importa, imparasse nel suo percorso tecnico anche molti altri aspetti del Judo diventerebbe meno bravo in combattimento? Penso proprio di no, avreste sicuramente lo stesso combattente ma tecnicamente e didatticamente pronto a continuare nello studio del Judo promuovendo i vostri insegnamenti.

Lo shiai non deve togliere nulla all’apprendimento corretto del Judo, anzi se indirizzato alla ricerca dell’eccellenza nel pensiero e nell’azione in situazioni emotivamente più complesse può accrescere l’amore per il Judo e l’interesse alla sua valenza educativa.

La valenza educativa del Judo deve essere trasmessa in ogni lezione, poco alla volta, come una goccia che in ogni lezione lasciate cadere dentro di loro attraverso l’esempio, dovete trasmettere l’importanza della responsabilità nei confronti dei compagni, la disponibilità nell’aiutare chi è meno abile o più gracile fisicamente, al rispetto delle regole del Dojo e della società.

Gli argomenti tecnici che il Judo ci offre per sviluppare questa didattica educativa sono tanti, pratichiamo la disciplina più completa al mondo dal punto di vista tecnico, sociale e spirituale.

Pratichiamo un Arte che ci piace, di cui siamo innamorati e con cui possiamo veramente contribuire a cambiare in meglio questa nostra società.

Non pensate che valga la pena di vivere e far vivere ai nostri allievi un’avventura simile?

Hanshi Alfredo Vismara – Dai Nippon Butokukai

 

 

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

“It’s Judo whenever you help people who give hope up because of tiredness” E’ Judo ogni volta che aiutate quelli che disperano per la fatica

ALFREDO[1]‘It’s Judo whenever you help people who give hope up because of tiredness”

During every Judo training there are hard moments for everyone. The most trained ones go beyond them without problems, the less trained ones with difficulty.

Since we are tired we do not pay attention anymore to what we are doing. As a result, we do Judo with nothing more than empty, white-dressed bodies: in fact, their ‘Spirit’ has already come back home. My Judo Master often repeated that he was persuaded that ghosts really existed exactly because of these empty bodies, whom he saw wandering on the mat.

Every experienced Judoka should perceive this situation and help the weakest and most tired ones. Otherwise they could lose their ‘Spirit’ during the training.

If you do not become aware of this situation, actually you are not doing Judo, since you are not taking into account the principle Jita kyoei: the other and I harmoniously in order to grow up and make progress together.

This relationship with the weak ones is fundamental in Judo and in the everyday life. During the Judo practice, be it gymnastics, Uchikomi, Kata or Randori, the most trained ones have to perceive these moments and encourage their partner and the whole group.

This happens during every training and allows you to expand your spiritual energy and to give it to those in trouble. This mental attitude aiming to the exchange of energy in favor of the weak ones exists only in Judo, more precisely in traditional Judo, and it is a part of its didactical method. It also produces an energy field with your partner and the whole group.

The totality of this positive energy will help everyone during the hardest moments of the training. Actually, you can find in many other disciplines something like team spirit, but it aims only at an agonistic result, not at learning through a peculiar didactical method how to help people in trouble.

If you pay attention to those moments during the training, then you can call Judo what you are doing. By practising, it will become natural to perceive who needs your help and to give it to him according to the principle Jita kyoei.

Neither throwing someone who cannot react anymore nor doing Uchikomi without helping a weak and tired partner is Judo: this is simply an useless exercice. If you do not interact energetically with your partner during the training, you cannot make progress. Even worse, Judo does not become that powerful instrument leading to the spiritual edification that Jigoro Kano meant. You cannot train yourselves alone: Judo was created to make every single person and the whole society grow up from the physical, moral and spiritual point of view. If you pay attention only to yourselves and to your techniques, then you should also call otherwise what you are doing, since it is not what Jigoro Kano meant with Judo.

To the next text:

‘It’s Judo whenever you humbly admit your limits and your weaknesses’

Alfredo Vismara – Hanshi Dai Nippon Butokukai

Traduzione di Andrea Lorenzo Covini

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

Shinken shobu waza e Kime no kata

tenjin2

Shinken shobu no kata – Kime no kata

( da una relazione di Toshirō Daigo 10° Dan del Kōdōkan

Kata del Kōdōkan  2, “Judo” vol 79 N° 11 novembre 2008)

 

Alcuni anni dopo la fondazione del Kōdōkan, venne creato lo Shinken shōbu no kata, costituito in una prima stesura da 10 tecniche e in un secondo momento in 13 (nell’anno 20 dell’era Mēji) subito dopo la creazione del Randori no kata.

Nell’anno 39 dell’era Mēji (1906), quando il Dai Nihon Butokukai volle istituire il Shinken shobu no kata, lo Shihan presentò il progetto iniziale costituito da 13 tecniche; ne vennero aggiunte altre 7 volute dal Butokukai, furono discusse ed infine il Kata venne approvato, così nacque il Kime no kata di oggi.

 

Shinken shōbu no kata

Tutti sanno che l’origine del jūdō è il koryū jūjutsu. L’obiettivo delle scuole di jūjutsu era lo Shinken shōbu waza. Kanō shihan comprese che non era possibile sviluppare la sua idea di randori con molte di quelle tecniche cosi tolse le azioni pericolose, che comunque appartenevano anch’esse al Kōdōkan jūdō, e decise che si doveva imparare le tecniche dello shinken shōbu insieme alle tecniche del randori ma separatamente.

Stabilì quindi lo Shinken shōbu no kata che conteneva principi diversi dal Randori no kata.

Lo stesso Shihan fece notare gli errori che avevano i kata delle varie scuole di jūjutsu e sviluppando il nuovo Shinken shōbu no kata diceva così: “  Il Kime no kata è stato chiamato Shōbu no kata, col significato di Shinken shōbu no kata, ed è l’obiettivo dei kata delle varie scuole di jūjutsu di una volta.

Sicuramente non si può generalizzare ma guardando i kata che venivano fatti allora, pensai che lo spirito sēishi dei primi Maestri che li avevano stabiliti inizialmente, era stato dimenticato.

Guardando i kata delle varie scuole, vidi che comprendevano tante tecniche inefficaci, per chi ha praticato tanto il randori. Penso che non siano stati trasmessi i valori igi dei Maestri che li avevano codificati.

Per questo, guardando i kata di molte scuole non ne ero soddisfatto, così prendendo l’essenza iki dei kata delle varie scuole ed aggiungendo i miei miglioramenti kofū, creai quello che un tempo si chiamava Shōbu no kata ed oggi Kime no kata ” (tratto da “Jūdō Hyakunen” “100 anni di Jūdō “ di Oimatsu Shiinichi).

Lo Shihan a proposito della necessità di imparare il Kime no kata disse inoltre così: “ Tra le tecniche del Kime no kata ve ne sono di inapplicabili nel randori, nello shinken shōbu waza  non vi sono solo le proiezioni nage e i controlli katame, ma anche colpi utsu e spinte tsuku, dare calci keru koto, a volte con armi da taglio kiru o armi da fuoco happō suru.

Nel Kime no kata non si insegnano tutte queste cose: è stato fatto al fine di comprendere l’essenza di tutto ciò che si è imparato e quindi bisogna conoscere anche tale kata per capire la totalità del jūdō Kōdōkan” ( preso da: “Yūkō no katsudō” “forme della decisione”,  novembre Taishō 10, 1921).

Dallo Shinken shōbu no kata al Kime no kata

Nell’anno 20 dell’era Mēji, quando venne istituito questo kata, si  nominava Shinken shōbu no kata o Shōbu no kata o Shōbu hō no kata, poi venne cambiato in Kime no kata; non si sa quando, ma pare che lo Shihan lo decise quando stabilì il kata al Butokukai nell’anno 39 dell’era Mēji (1906), in quella sede propose il nome Kime no kata.

Però, nel “Kēōgijuku jūdōbushi (Storia del gruppo di Jūdō dell’Università Kēōgijuku)” vi è scritto nell’archivio delle riunioni avvenute dall’anno 29 dell’era Mēji (1896), che durante le dimostrazioni il kime no kata, fino all’anno 43 dell’era Mēji (1910), veniva chiamato Shōbu no kata e solo dopo l’anno 44 dell’era Mēji (1911) venne nominato Kime no kata.

Questo proverebbe una congettura diversa dalla mia, ma non si sa se corrisponde al vero.

Dopo le 10 tecniche iniziali venne portato a 13

Lo Shihan disse: “Il Kime no kata di oggi è stato stabilito un po’ dopo rispetto al Nage no kata e al Katame no kata”. Del periodo intercorso tra “le 10 tecniche iniziali” e “ le 13 tecniche” non si conoscono le motivazioni delle proposte per l’aumento del numero delle tecniche.

In Jūdō Nenkan” “Cronologia del Jūdō” è scritto che il Kime no kata è stato codificato nell’anno 20 dell’era Mēji(1887). Il Randori no kata fu creato negli anni 16 e 17 dell’erail Mēji (1884-1885) e quindi  2 o 3 anni prima.

Istituzione del Kime no kata al Dai Nihon Butokukai

Dopo la formalizzazione del Kōdōkan Kime no kata con 13 tecniche, nell’anno 39 dell’era Mēji (1906) il Dai Nihon Butokukai volle istituirlo come fece anni prima con il Nage no kata e il Katame no kata.

Lo Shihan presentò il progetto con le 13 tecniche ma alla fine dopo alcune modifiche e discussioni venne approvato con l’aggiunta di altre 7 tecniche.

Lo Shihan, riguardo tutti i particolari della istituzionalizzazione del Kime no kata al Butokukai disse: (“Jūdōka tōshite no Kanō JigorōKanō Jigorō come Jūdōka”) (dettato da Kanō Shihan e scritto da Ochiai Torahē) avevano intenzione di fare un kata, non a quelle persone esperte che praticavano i kata senza problemi nelle proprie scuole,  ma che andasse bene a tutto il paese e mi chiesero di crearlo.”

Allora vi erano due jūdōka a cui diedi il titolo di hanshi, si chiamavano Totsuka Hidemi (Yōshin ryū) e Hoshino Kumon (Shiten ryū); parlai con loro, li nominai membri del comitato, dicendogli che avrei fatto il progetto iniziale e che poi, basandoci su quello, avremmo fatto una discussione e avremmo deciso come sviluppare un kata che poteva essere eseguito da tutto il paese; loro accettarono.

Così ho fatto il progetto iniziale, ho creato le basi dello Shōbu no kata del Kōdōkan e ho aggiunto in seguito nuovamente qualche tecnica; i membri principali furono Totsuka e Hoshino ed io, insieme ad altri esperti jūdōka di altre varie scuole e completammo Idori con 8 tecniche e Tachiai con 12 come sono oggi.

Dopo varie discussioni quando fui convinto che andava bene; decisi che era il kata per il Butokukai e nello stesso tempo per il Kōdōkan. Queste sono le origini del kime no kata del Kōdōkan.

 

Traduzione dal giapponese di Noriko Habuki

e Matteo Masada

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

E’ JUDO…..quando permettete a tolleranza e amicizia di rinascere in voi e le donate al vostro prossimo

Maestro Jigoro Kano“E’ Judo ogni volta che permettete a tolleranza e amicizia di rinascere in voi e le donate al vostro prossimo”

Jita yu wa kyoei “io e gli altri in armonia per crescere e progredire tutti insieme” è il fine ultimo del Judo e la peculiarità che lo rende una disciplina unica al mondo.

Non esiste nulla di paragonabile a tutto ciò: non esiste cioè un’altra disciplina che insegni attraverso un esercizio fisico e di combattimento un principio morale e sociale così alto, teso coi suoi metodi di allenamento a sviluppare armonia e ricerca di benessere fra gli uomini.

La pratica del Judo si svolge in due modi fondamentalmente: Tandoku renshu “allenamento da soli” e Sotai renshu “allenamento con un compagno”.

Per mezzo dell’allenamento in coppia e sotto l’attenta guida di un Maestro consapevole delle finalità del Judo Kodokan i sentimenti di tolleranza e amicizia sono continuamente esercitati e messi in gioco attraverso la dura pratica. E in effetti, quando si è stanchi, sono spesso proprio loro i primi sentimenti che vengono a mancare.

Anche se chi mi sta leggendo può pensare che esagero, costui dovrebbe pensare a quante volte succede di non poterne più di chi ci sta di fronte o a quando, presi dalla voglia di proiettare a qualsiasi costo un compagno, non ci preoccupiamo delle conseguenze di una tecnica eseguita male e lo proiettiamo come capita.

Questo vi sembra un comportamento tollerante, un atto di amicizia, un atto che accresce l’armonia all’interno di un gruppo? So che per abitudine dopo un azione del genere ci si scusa con frasi del tipo “Scusa, non l’ho fatto apposta” – frasi che, per inciso, mi sono sempre suonate come una presa in giro -, ma ormai l’armonia si è rotta anche se in apparenza tutto torna come prima.

E’ Judo quando non perdete uno spirito tollerante e di amicizia verso il prossimo anche se dovete rinunciare a una proiezione: non esiste proiezione che valga l’incolumità degli altri.

Quando ci si rende conto che questi sentimenti stanno venendo meno è bene staccare le prese dal judogi e, dopo una breve pausa, riprendere più forti di prima nel vostro spirito di tolleranza e amicizia tanto da coinvolgere il compagno di pratica.

Prossimo appuntamento: “E’ Judo, ogni volta che vi sentite sicuri e protetti dagli altri”

Alfredo Vismara Hanshi Dai Nippon Butokukai

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura