SULLA “RAGIONE”

SENZAT11Se avete voglia di affrontare l’argomento “ragione” e andate a ricercarne il significato venite proiettati indietro nel tempo di migliaia di anni.

Filosofi e pensatori di ogni epoca hanno descritto la “ragione” come l’unica facoltà umana in grado di salvare e far progredire l’essere umano nella sua evoluzione.

Bene, ma nonostante profondi ragionamenti sull’uguaglianza, la fratellanza, la libertà e la tolleranza che si tramandano da migliaia di anni – e potrei andare ancora avanti – ci troviamo davanti a stermini e furti di ogni tipo, perpetrati il più delle volte dai più forti a danno dei più deboli, e a catastrofi migratorie davanti alle quali la famosa “ragione” scompare come neve al sole.

Di fronte alle difficoltà reali dell’umanità, l’essere umano può rimanere impassibile finché queste non toccano i suoi interessi individuali o quelli della comunità cui appartiene. In caso contrario, invece, l’uomo torna ad essere quello vissuto prima della scoperta della “ragione” e a essere dominato – o quantomeno molto condizionato – dall’unico comandamento cui risponde perché impresso nel suo DNA: “sopravvivi!”

Questo comandamento è cosi forte da avere la meglio su tutti i bei ragionamenti che la “ragione” può proporre. Al nostro sistema nervoso centrale, dove è impresso il comandamento “sopravvivi!”, dei dibattimenti della “ragione”, per dirla in romanesco, “non gliene può fregare di meno”.

Ciò succede anche, e soprattutto, perché quel comandamento “sopravvivi!” non è frutto dell’intelletto, formatosi in poche migliaia di anni di evoluzione del nostro cervello, quanto del costante confronto con la brutale realtà che l’uomo ha dovuto affrontare in centinaia di migliaia di anni per sopravvivere.

Se la “ragione” vuole affermarsi su quella forza ancestrale che ci accompagna da così tanto tempo deve imitarne il percorso storico ed evoluzionistico. La “ragione” deve essere allenata fisicamente a prendere gradualmente possesso di noi stessi e dei nostri impulsi ancestrali.

Io sono un prodotto del Judo, o meglio, di un certo tipo di Judo, un Judo mirante a far prevalere la “ragione” sulla voglia di rispondere a un calcio con un calcio e a tollerare un compagno che non si preoccupa della mia incolumità durante la pratica, un Judo dedicato ad una lunga e paziente edificazione spirituale e a coloro cui insegno tramite la “ragione” e l’esempio.

Sviluppare il sentimento della “tolleranza”, che è una delle figlie della “ragione”, è un arma incredibile per vincere la guerra contro impulsi negativi nella nostra società. La pratica del Judo nel rispetto dei suoi canoni e secondo i due principi Seiryoku zen’yo e Jita kyoei costituisce un nuovo e potente paradigma educativo – cosa che ripeto spesso – con una forza sconvolgente.

Se pensate a come questi due principi vengono messi in pratica nel Judo e nella nostra vita sociale quotidiana, scoprirete che costituiscono l’applicazione della “ragione” nell’azione.

Avete provato a pensare se i governanti di ogni Paese fossero stati educati a praticare questi principi come girerebbe il mondo? Pensate ai nostri politici per esempio, e mi scuso per l’esempio banale: nonostante si tratti di un caso disperato, la situazione potrebbe essere sensibilmente migliorata.

Il segreto sta nel piacere di ricercare l’eccellenza in ciò che pensate e in ciò che fate: ecco la vera “ragione”, che non ha nulla a che fare con ciò che dite.

Alfredo Vismara Hanshi

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

ABOUT “REASON”

SENZAT11If you want to deal with the topic “reason” and look for its meaning, you are thrown backwards in the past for thousands of years.

Philosophers and intellectuals of every age have described “reason” as the only human skill capable of saving and of progressing humanity along its evolution.

In spite of deep thoughts about equality, brotherhood, freedom and tolerance, which have been handed down for thousands of years – and the list could be extended – today we are facing injustices of all sorts. In front of these injustices, which are often committed by the strongest against the weakest, as most notably seen today in the migrant catastrophes, “reason” disappears completely.

Facing the real difficulties of humanity, the human being may remain unmoved or indifferent as long as these difficulties do not concern one’s own personal interests or those of its community. However, when these difficulties threaten his own interests, he becomes again what he was before “reason” was found and is again controlled – or at least strongly influenced – by the only commandment he will obey because it is imprinted in its DNA: “survive!” 

This commandment is so powerful that it can overcome every single thought proposed by “reason”.

This happens because that commandment “survive!” has not been created by the intellect, which has been shaped within a few thousands of years during the evolution of our brain, but by the permanent confrontation against the brutal reality, which humanity has had to face in order to survive.

If “reason” wants to overcome this ancestral power, which has been following us since for so long, it must imitate its historical and evolutionary development. “Reason” is to be physically trained so that we can gradually master ourselves and our ancestral instincts.

I’m a product of Judo, or, better to say, of a particular kind of Judo, namely a Judo seeking to make “reason” prevail over the idea of tackling violence with violence, and to bear a partner who is not taking care of me during the practice, a Judo devoted to a long and painstaking spiritual building for oneself and to those I educate through “reason” and example.

Developing the feeling of “tolerance,” one of “reason’s” daughters, is an unbelievable weapon against the negative instincts of our society. The Judo practice, in respect of its rules and according to the two principles Seiryoku zen’yo and Jita kyoei, represents a new and powerful educational method – which I often repeat – endowed with awesome energy.

If you think about these two principles and how they are applied during the Judo practice and in our daily social life, you will find out that they actually represent the implementation of “reason” in action.

Have you ever imagined what would happen, if the rulers of every country had been taught how to apply these principles? Think about our politicians, and I apologize for this trivial example: in spite of the apparently hopeless situation, improvements could be achieved even in this case.

The secret is to look for excellence in what you are thinking or doing: this is the authentic “reason,” which has nothing to do with what you say.

Alfredo Vismara Hanshi Dai Nippon Butokukai

Traduzione di Andrea Lorenzo Covini

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

SUR LA “RAISON”

SENZAT11Si vous voulez aborder le sujet « raison » et vous allez en rechercher la signification, vous êtes projetés en arrière dans le passé pendant milliers d’ans.

Philosophes et penseurs de toutes les époques ont décrit la « raison » comme la seule faculté humaine capable de sauver et faire progresser l’être humaine dans son évolution.

En fait, au dépit de ces profonds raisonnements sur l’égalité, la fraternité, la liberté et la tolérance qui sont transmis depuis milliers d’ans – on pourrait même prolonger la liste –, on a sous nos yeux toute sorte d’exterminations et de vols, qui sont pour la plupart achevés par les plus forts contre les plus faibles, et catastrophes migratoires devant lesquelles la célèbre « raison » disparaît complètement.

Face aux difficultés réelles de l’humanité, l’être humain peut rester impassible ou indifférent jusqu’à ce qu’elles ne touchent ses intérêts individuels ou ceux de sa propre communauté. Par contre, si ce n’est pas le cas, l’être humain devient de nouveau celui qui il était avant la découverte de la « raison » et, encore une fois, il est dominé – ou au moins fort conditionné – par le seul commandement auquel il répond parce qu’il est imprimé dans son DNA : « survis ! »

Ce commandement est si fort qu’il gagne contre n’importe quelle pensée que la « raison » propose.

Et cela surtout parce que ce commandement « survis ! » n’a pas été créé par l’intelligence, laquelle s’est formée au cours des quelques milliers d’ans d’évolution dans notre cerveau, mais par l’interminable confrontation avec la réalité que l’être humain a dû affronter dans son chemin pour survivre.

Si la « raison » veut l’emporter sur cette force ancestrale qui nous accompagne depuis toujours, elle doit en imiter le parcours historique et évolutif. Il faut que la « raison » soit entrainée physiquement pour qu’elle s’empare peu à peu de nous-mêmes et de nos impulsions ancestrales.

Je suis un produit du Judo, ou pour mieux dire d’un certain type de Judo, à savoir un Judo qui vise à faire prévaloir la « raison » contre l’envie de répondre à la violence avec la violence, qui vise à tolérer un copain qui ne se préoccupe pas de mon incolumité pendant la pratique, un Judo dédié à une longue et patiente édification spirituelle et à ceux auxquels j’enseigne en utilisant la « raison » et l’exemple.

Le développement du sentiment de la « tolérance », qui est une des filles de la « raison », est une arme invincible pour gagner la guerre contre les impulsions négatives de notre société. La pratique du Judo selon le respect de ses canons et des deux principes Seiryoku zen’yo et Jita kyoei constitue un nouvel et puissant paradigme éducatif – ce que je répète souvent – avec une force incroyable.

Si on pense comment ces deux principes sont pratiqués dans le Judo et dans la vie quotidienne au sein de notre société, on découvre qu’ils constituent l’application de la « raison » dans l’action.

Avez-vous pensez comment le monde fonctionnerait si les gouvernants de chaque Pays avaient été éduqués à pratiquer ces principes ? Pensez-vous à nos hommes politiques (je demande pardon parce que l’exemple est tout à fait banal) : bien qu’il s’agisse d’un cas extrême, la situation pourrait être améliorée sensiblement.

Le secret se cache dans le plaisir de rechercher l’excellence dans ce qu’on pense et dans ce qu’on fait : voilà la véritable « raison », qui n’a rien à faire avec ce qu’on dit.

Alfredo Vismara Hanshi Dai Nippon Butokukai

Traduzione di Andrea Lorenzo Covini

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

UEBER DIE “VERNUNFT”

SENZAT11Will man das Thema „Vernunft“ behandeln und nach ihrer Bedeutung suchen, muss man Tausende von Jahren zurückblicken.

Philosophen und Denker jeder Zeit haben die “Vernunft” als die einzige menschliche Fähigkeit beschrieben, welche die Menschheit retten und im Laufe ihrer Entwicklung fortschreiten lassen kann.

Trotz tiefer Überlegungen über die Gleichstellung, die Brüderschaft, die Freiheit und die Toleranz, die seit Tausenden von Jahren überliefert worden sind – und diese Liste ist längst nicht vollständig –, liegen alle möglichen Diebstähle, Massenvernichtungen und Wanderkatastrophen, welche oft von den Stärksten gegen die Schwächsten begangen werden, direkt vor uns. Unter solchen Umständen tritt die berühmte „Vernunft“ völlig in den Hintergrund.

Vor den wahren Schwierigkeiten der Menschheit kann der Mensch unerschütterlich oder distanziert bleiben, solange diese seine eigenen Interessen oder die seiner Gemeinschaft nicht angehen. Trifft aber das Gegenteil ein, dann wird der Mensch wieder derselbe, wie er vor der Entdeckung der „Vernunft“ war. Er wird nämlich vom einzigen Gebot beherrscht – oder zumindest stark beeinflusst –, dem er gehorcht, weil es in seinem DNA aufgedrückt ist: „Überlebe!“

Dieses Gebot ist so stark, dass es jede von der „Vernunft“ vorgeschlagene Überlegung überwindet.

Dies geschieht vor allem, weil das Gebot „überlebe!“ kein Produkt des Intellekts, welcher eine relativ jüngere Schöpfung unseres Gehirns darstellt, sondern des dauernden Vergleichs mit der Realität ist, mit der sich der Mensch über die Jahrhunderte hinweg zum Überleben konfrontiert worden ist.

Wenn die „Vernunft“ diese alte Kraft, die uns seit langem begleitet, überwinden möchte, muss sie ihren Entwicklungsablauf nachmachen. Die „Vernunft“ muss trainiert werden, damit sie sich unserer Seele und unserer Impulse allmählich bemächtigt.

Ich bin ein Erzeugnis des Judos, oder, besser gesagt, jenes Judos, der die „Vernunft“ den Impuls überwiegen lässt, der Gewalt mit der Gewalt zu antworten, und mich einen Trainingspartner, der sich während der Übung um mich nicht kümmert, ertragen lässt. Diese Art von Judo bezweckt eine lange, mühselige, geistige Erbauung und die Erziehung derjenigen, die ich durch die „Vernunft“ und das Beispiel belehre.

Die Entwicklung des Gefühls der „Toleranz“, die eine der Töchter der „Vernunft“ ist, stellt eine unglaubliche Waffe dar, um den Krieg gegen die negativen Impulse unserer Gesellschaft zu gewinnen. Die Judoübung zusammen mit der Befolgung seiner Regeln und gemäß seinen zwei Prinzipien Seiryoku zen’yo und Jita kyoei ist ein neues und wirkungsvolles Erziehungsparadigma – wie ich oft wiederhole – mit einer erschütternden Kraft versehen.

Wenn man an diese zwei Prinzipien denkt und in Betracht zieht, wie sie bei der Judoübung und in unserem täglichen Gesellschaftsleben in die Praxis umgesetzt werden, wird einem klar, dass sie die Anwendung der „Vernunft“ auf die Tat darstellen.

Habt ihr versucht, euch vorzustellen, wie sich die Welt verändern würde, wenn es den Regierenden jedes Landes die Umsetzung dieser Prinzipien in die Praxis beigebracht worden wäre? Stellt euch unsere Politiker vor, und entschuldigt mich bitte für das banale Beispiel: Obwohl sie einen hoffnungslosen Fall darstellen, könnte ihre Situation trotzdem merklich verbessert werden.

Das Geheimnis liegt darin, nach der Vortrefflichkeit eurer Gedanken und eurer Taten zu suchen: Das ist ja die echte „Vernunft“, die nicht mit euren Worten zu tun hat.

Alfredo Vismara Hanshi Dai Nippon Butokukai

Traduzione di Andrea Lorenzo Covini

 

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

Competizione, il judo oltre lo sport

ALFREDO[1]Relazione su “Competizione, Judo oltre lo sport” tenutasi al Seminario sul Judo di Vercelli (Ottobre 2014) Voglio iniziare la mia relazione sull’argomento di quest’anno con una frase del mio Maestro, Cesare Barioli, scritta in occasione del Congresso di Vercelli del 2007:

“ … sono un vecchio, di quelli che nelle discussioni impongono la loro esperienza. E insisto che il nostro problema è culturale. Ho proposto questo congresso perché ritengo che il Randori sia in pericolo di gara, il Kata in pericolo di medaglie e il Judo in pericolo di ignoranza ..”

Siamo nel 2014, sono passati sette anni da quelle parole. L’argomento del Congresso di quest’anno è la realizzazione di giornate dedicate ad approfondire, presentare e studiare gli aspetti essenziali che elevano il “Judo” a disciplina educativa. Perché comprendere a fondo il pensiero, la filosofia e la proposta educativa del fondatore Kano Jigoro è stata ed è ancora una sfida.

La storia non è stata pietosa con il creatore del Judo, ma oggi, anche in Giappone si incomincia a considerare il Judo originale come un paradigma che potrebbe rivoluzionare la formazione giovanile, educando a una visione sociale e globale della vita attraverso il fascino e la naturalezza dell’attività motoria. Il Comitato scientifico di quest’anno ha scelto un argomento delicato e di particolare attualità: “Educazione-Competizione, il Judo oltre lo sport”. Inoltre il Congresso si propone di approfondire il rapporto fra spirito competitivo, competizione vera e propria e valori educativi discutendo gli aspetti etici, prima che regolamentari, di una competizione che voglia salvaguardare lo spirito originario del Judo.

Come si sentiva di affermare il mio Maestro anni fa, ora sono anch’io un vecchio che vuole imporre la propria esperienza e ribadire che il nostro problema è culturale. Il randori, non è quasi mai “ricerca dell’eccellenza nel pensiero e nell’azione”, il più delle volte, è finalizzato alla gara e di conseguenza ogni azione viene eseguita per prevalere su chi si ha di fronte. E questa non è l’Educazione intesa da Jigoro Kano. La pratica dei Kata è diventata un’altra disciplina, un teatrino di persone che si preoccupano più del taglio del judogi che indossano, deve essere perfetto e uguale nella coppia altrimenti hanno già perso la gara in partenza, che della sostanza delle tecniche che eseguono. Provate a guardare contemporaneamente una gara di Nage no kata e una di shiai e ditemi se vi sembrano la stessa disciplina. Le organizzazioni internazionale e nazionali hanno comunque raddoppiato il numero delle medaglie e creato super tecnici solo di kata. Il Judo in pericolo di ignoranza? No Cesare, dal punto di vista Educativo il Judo non è più in pericolo di ignoranza; è quasi tutto ignorante sotto questo aspetto. Le gare di Judo sono sotto gli occhi di tutti e sono evidenti le regole, gli atteggiamenti del pubblico e degli atleti. Per i non addetti ai lavori, mi riferisco a chi non vive il Judo internazionale che alla fine dà le direttive tecniche a tutti gli organismi di Judo nel mondo che volenti o nolenti si trovano a doverle praticare, forse non sanno che per l’organizzazione mondiale del Judo, tutto deve girare attorno a interessi economici per chi organizza, chi gareggia e chi allena le squadre. Questa perversa evoluzione economica e involuzione culturale allontanerà sempre di più il Judo attuale dall’ideale educativo del prof. Kano. Per camuffare questa tendenza e mettersi il cuore in pace con la tradizione hanno aumentato il numero dei “saluti” prima e dopo un incontro, per salire e scendere dal tatami e così via, intendendo tutto ciò, il valore educativo del Judo e l’educazione da trasmettere al mondo per sottolineare la differenza con le altre discipline.

Capite perché affermo che il Judo non è più “in pericolo di ignoranza”! Sono mesi che ricevo comunicazioni di gare in programma per celebrare il 28 ottobre, giornata della nascita del prof. Jigoro Kano; penso che se almeno in quella giornata non organizzassero nessuna gara, almeno in quel giorno, il fondatore del Judo Kodokan si riposerebbe, smettendo di rivoltarsi nella tomba almeno per il suo compleanno. L’11 maggio del 1889 il prof. Kano tenne di fronte alla Dai Nihon Kyoiku kai (Organizzazione nazionale del Giappone per l’educazione) la relazione sul Judo più importante della sua vita. Convinse il ministero dell’educazione giapponese che il Judo, come lo aveva concepito in opposizione al Jujutsu e a tutti i metodi educativi occidentali per motivi pedagogici diversi, era l’unica vera disciplina esistente che proponeva attraverso un’educazione fisica, un’educazione morale e una intellettuale una conseguente edificazione spirituale. In quella sede convinse tutti i presenti, orientali e occidentali, del mondo dell’educazione che il Judo era, attraverso la pratica di Kata e Randori, come intendeva il Kodokan di allora, un nuovo paradigma educativo per la gioventù giapponese e per il mondo intero. Per il prof. Kano nulla era più importante per i giovani che essere educati attraverso una cultura fisica, morale e intellettuale che li coinvolgesse spiritualmente per mezzo di Kata e Randori. Da allora il Judo, primo fra tutte le discipline del Budo, entrò in tutte le scuole del Giappone. Neanche una parola fu spesa per l’attività agonistica, tutto avvenne negli anni successivi quando lo sviluppo troppo rapido del Judo, senza Maestri preparati didatticamente, sono parole del prof. Kano, per mantenere l’interesse negli allievi e averne sempre di più, iniziarono a promuovere gare. Jigoro Kano stesso ammette che a causa dei troppi impegni assunti non gli fu possibile seguire questi sviluppi come avrebbe voluto.

Due anni fa, al convegno di Vercelli su “JUDO, UNA PROSPETTIVA SULL’EDUCAZIONE” presentai un intervento “Il mio ideale di Judo”. Oggi vi tralascio tutta la prima parte dove raccontavo momenti della mia avventura judoistica con il Maestro Barioli ma voglio riproporvi la seconda perché mi sembra adatta al tema che trattiamo. “Ho 67 anni, la mia convinzione che il judo sia un metodo educativo alternativo a tutti quelli esistenti, con grandi possibilità di cambiare in meglio le persone, è sempre più forte. Mi riferisco a un judo finalizzato a questo scopo e non a vincere una competizione. Quando penso a un judo ideale lo immagino senza gare, il randori (trad. “Ran: caos, confusione e dori: tenere, controllare” comunemente è tradotto con esercizio libero perché i ruoli di tori e uke non sono prefissati contrariamente a tutti gli altri esercizi di Judo) e il kata (trad. “esercizio di forma”) sono gli allenamenti che permettono al judoka di temprarsi e di fortificare corpo e spirito. Ritengo lo sport agonistico l’ennesima invenzione di alcuni uomini volta ad allenare altri per prevalere sul loro prossimo. La competizione allena gli uomini a combattere per superare chi sta loro di fronte e, pur di raggiungere il risultato, ci si inventa di tutto. Ci si allena per essere sempre più forti e veloci, più furbi e scaltri, spesso addirittura barando a rischio della propria salute e di quella altrui. Ma non siamo già abbastanza bravi in questo genere di cose? Anche se tutto questo ci viene presentato come mezzo per accrescere la salute fisica, la forza morale e l’abilità tecnica, il fatto di eliminare chi ci sta davanti solo per passare all’avversario successivo e alla fine primeggiare, in realtà, non fa altro che alimentare qualcosa che l’uomo conosce già molto bene: il desiderio di prevalere su tutto e tutti. Sono migliaia di anni che si predicano tolleranza, amore, rispetto, mutue concessioni, carità, compassione, e gli uomini sono sempre in conflitto fra loro in un combattimento infinito che cominciò milioni di anni fa al solo scopo della sopravvivenza. Desidero riprendere una parte del discorso per questo convegno che fu scritta dal Maestro Barioli e che si sposa perfettamente col mio ideale di Judo: “Le istituzioni educative attraversano oggi una fase pre-paradigmatica che vede la coesistenza di vari modelli talora contraddittori tra loro e spesso poco attenti agli aspetti spirituali e morali. D’altro canto l’educazione morale non ha realizzato progressi pari a quelli che la tecnologia scientifica ha compiuto nel XX secolo. L’obbiettivo di un programma educativo, invece, è stimolare nella popolazione mondiale una crescita interiore che miri al bene comune; specialmente in un momento di crisi economica e di valori come quello attuale: il futuro è un drammatico confronto tra educazione e caos.” Se il judo vuole essere un nuovo paradigma educativo, deve uscire dalle logiche e dalle false promesse che tutte le competizioni possono offrire. Sono sempre più convinto che, se esso rimarrà legato a quel carrozzone chiamato sport agonistico e impegnato a promuovere sentimenti di prevaricazione sugli altri, faticherà moltissimo a manifestare il proprio valore come disciplina educativa. Visto che la motivazione che passa a sostegno dell’agonismo sta nel fatto che aiuta i giovani a diventare più forti nel superare le avversità che incontreranno nella vita mi domando perché non li mandiamo in Afganistan o in Iran a combattere così saranno ancora più preparati.

SENZAT11Il mio ideale di judo vuole “combattere” tutto questo. Il mio judo ideale deve aiutarmi a competere con me stesso per essere sempre migliore nei confronti “dell’Universo che mi circonda”, “delle stelle nel cielo”, e non per essere avversario del mio prossimo. Il mio prossimo è un’altra persona che, insieme a me, grazie a me, cresce fisicamente, moralmente e spiritualmente e che mi aiuta a fare altrettanto. Questa, a mio avviso è la vera battaglia che vale la pena intraprendere. Il prof. Jigoro Kano intuì queste grandi possibilità che la cultura e la disciplina educativa dei Bujin potevano offrire alla società e le mise in pratica nella sua scuola. Lì ne sancì i valori morali e spirituali tramite i principi da lui scritti a sostegno di questa intuizione:

Seiryoku Saizen Katsu yo “il migliore impiego dell’energia fisica e spirituale in ogni azione”

Jita Yu Wa Kyo Ei “io e gli altri in armonia per crescere e progredire tutti insieme”

Per concludere il mio intervento voglio ripetere con forza che, se il judo vuole essere un esempio di nuovo paradigma educativo nel futuro dell’umanità, le competizioni sarebbero da escludere onde evitare che esso sia percepito come uno sport agonistico. Qualche anno fa scrissi per i miei allievi alcuni consigli inerenti al mio ideale di judo che faccio loro leggere alla fine di ogni lezione:

“I shin den shin”

E’ Judo, ogni volta che cadete e vi rialzate sorridendo.

E’ Judo, ogni volta che proiettate un compagno e ve ne dimenticate.

E’ Judo, ogni volta che cercate l’eccellenza nel pensiero e nell’azione.

E’ Judo, ogni volta che riuscite ad ascoltare i pensieri dell’altro.

E’ Judo, ogni volta che aiutate quelli che disperano per la fatica.

E’ Judo, ogni volta che riconoscete con umiltà i vostri limiti e le vostre debolezze.

E’ Judo, ogni volta che permettete a Tolleranza e Amicizia di rinascere in voi e poi le donate al vostro prossimo.

E’ Judo, ogni volta che vi sentite sicuri e protetti dagli altri.

E’ Judo, ogni volta che riuscite a trarre Ordine dal Caos.

Alfredo Vismara Hanshi – Dai Nippon Butokukai

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

Genitori – i primi Maestri

“Tratto da “Genitori – i primi Maestri”
In trent’anni di insegnamento ho avuto modo di riscontrare nei miei allievi molte differenze sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista cognitivo: esse sono dovute all’età, a situazioni psico-fisiche diverse, all’istruzione, alla condizione sociale. Al contrario, non ho mai riscontrato in loro nessuna differenza comportamentale quando si trovavano in situazioni di pericolo o di tranquillità, di sofferenza o di benessere, nei momenti di dolore o di piacere, di tristezza o di felicità: in tutti emergevano reazioni di intensità diversa ma simili nelle loro manifestazioni.
Nei bimbi di quattro anni come negli adulti di settanta, quando l’emozione creata dalla particolare situazione veniva vissuta e subita intensamente – positiva o negativa che fosse – generava reazioni della stessa natura, seppure di intensità differente. Queste osservazioni compiute negli anni su migliaia di individui mi hanno portato a chiedermi da dove venivano quelle reazioni – più o meno buone o cattive, più o meno violente – e a elaborare una teoria sulle loro origini e sulla loro crescita avvenuta nel corso dell’evoluzione della specie umana”

Pagina: i mie libri

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura

L’apprendimento

La tecnica è l’esperienza di tante generazioni che viene condensata in un solo risultato. Per superare la condizione individuale l’uomo ha pensato di unire le esperienze di molti: nell’antichità questo è riuscito secondo uno schema « verticale », cioè un uomo raggiungeva un certo risultato nel corso della propria vita e lo trasmetteva a uno più giovane, che a sua volta lo perfezionava e lo ritrasmetteva, arrivando così, dopo secoli, a un grado di perfezione superindividuale. Questa è la tecnica, in Judo.      foto barioli vismara
(Un’altra maniera di ottenere un risultato superindividuale consiste nel mettere insieme nel tempo presente più individui: è il problema della democrazia che, affrontato con impegno in tempi moderni, ha trovato una certa efficacia in alcuni campi dell’attività umana.)
Quando si pratica il Judo con l’intenzione di sgombrare la mente degli allievi da precedenti concezioni (rialzandone il morale e allargandone la visione) si parla di animazione. Quando si affronta il problema della tecnica, si parla di insegnamento. Quando il Judo viene considerato nel suo complesso (secondo la coscienza dell’insegnante), si parla di trasmissione.

Quest’ultima avviene grazie a un particolare sentimento che si instaura tra maestro e allievo, che non è definibile semplicemente né come amore né come amicizia, e che gli orientali chiamano Kimochi. Non ci addentriamo nell’analisi di questo sentimento, perché mancano i termini per poterlo fare facilmente, ma lo segnaliamo perché sia più facile ricercare gli stati della trasmissione.
Molti hanno avvertito o vissuto l’avvenimento fantastico e usualmente definito « casuale » della trasmissione,
ma rare volte hanno cercato di analizzarne la natura, pensando a cosa avveniva nell’allievo in quei particolari momenti. Quelli che l’hanno tentato hanno urtato contro la barriera della propria ignoranza psicologica e contro la mancanza di una vera e propria scienza dell’argomento. Momento fantastico, piccolo Satori, piccola illuminazione o meglio « scintilla » misteriosa che scoppia nella parte più profonda e incontrollata dell’essere dell’allievo, portandolo, a piccoli balzi, a uno stato di conoscenza superiore.
In realtà molti maestri, più o meno bravi, hanno tentato con parole e azioni di insegnare la loro tecnica agli allievi
che avevano a disposizione. Sforzi inutili, in quanto nessuno degli allievi era pronto: infatti la condizione principale per poter insegnare qualche cosa è l’avere qualcuno che voglia apprenderla.
Per la trasmissione, le circostanze ideali si verificano di rado e solo raramente certi maestri possono forse provocarle.
Poi tutto dipende dall’allievo, come si presenta preparato a partecipare all’avvenimento.
L’atteggiamento mentale ideale è il frutto di tre condizioni nell’allievo, che lo portano alla massima disponibilità psicofisica; esse sono: l’educazione, l’amore per l’arte e la fiducia nel maestro. Queste tre qualità, a seconda del loro sviluppo o meno omogeneo, determinano il grado di apprendimento. Esse, fuse tra loro, vengono a creare la quarta condizione di carattere decisamente diverso. Abbiamo cosi un atteggiamento mentale che è la fusione di tre qualità dirette all’esterno (educazione, amore per l’arte, fiducia nel maestro), totalmente diverse tra loro
e dal risultato che producono.
Risultato particolare, che si ottiene « non pensando » e che trascende l’ego individuale portando « tutto » l’allievo a uno stato mentale superiore, in grado di assimilare l’essenza di quello che gli viene mostrato.

IL MANIFESTARSI DELLA TECNICA APPRESA NELL’AZIONE
Così l’allievo, attraverso le tre condizioni necessarie e la pratica, è arrivato a percepire qualcosa di diverso, di cui
non riesce a spiegarsi la natura ma che sente dentro di sé come scaturito dal nulla, per niente stabile e soggetto a continui alti e bassi che lo portano a volte a stati di estrema esaltazione; con la certezza di avere chiara nella mente l’essenza di una tecnica, di un esercizio o del giusto atteggiamento mentale nel Randori o nel combattimento, oppure a stati depressivi, di sconforto, dove tutto gli sembra negato e confuso.
Solo la pratica e la fiducia nel maestro lo possono aiutare. Il maestro gli fa superare gli stati di sconforto, la pratica lo fortifica nello spirito e sempre inconsciamente lavora in uno stato profondo del suo inconscio portandolo a percepire il giusto atteggiamento mentale più di frequente e in maniera controllata.
Giusto atteggiamento mentale dunque, per la « trasmissione », perché si verifichi il rapporto maestro-allievo (Kimochi); ma l’essenza di questa o quella tecnica assimilata dall’allievo, quando e in che condizioni si manifesta? L’ideale è che nasca nello stesso modo in cui è stata assimilata o, meglio, deve manifestarsi con un atteggiamento mentale uguale al primo ma frutto di tre condizioni diverse dall’apprendimento, che si verificano solo nel Randori e in Shiai, e che sono: vedere non vedendo, sentire non sentendo e pensare non pensando,
le quali fuse insieme danno vita a uno stato psicofisico uguale all’avvenimento della « trasmissione » per l’allievo ma libero da qualsiasi tensione mentale che impedirebbe il manifestarsi dell’azione e che definiremo « agire non agendo ».   Alfredo garaCosì in Judo si parla di Mu-shin, di « mente vuota », e si dice all’allievo, ad esempio, che la distrazione, la paura di perdere o il desiderio di vincere o qualsiasi pensiero razionale sono da evitare, affinché l’azione nasca spontanea e al momento opportuno.
Quando queste condizioni si verificano, il judoka ottiene « il massimo dell’efficacia » attraverso « il migliore impiego dell’energia », poiché mediante l’azione si è unito a un qualcosa che era dentro di lui, a quelle innumerevoli forze che « non vedendo, non sentendo, non pensando e non agendo » muovono l’universo.

Alfredo Vismara Hanshi – Dai Nippon Butokukai

Gli acquisti che consiglio
Amazon-Box creato da Giuseppe Frattura